cos'è casa mia?

cos'è casa mia?

giovedì 26 gennaio 2012

Sformato di pasta con cavolfiore

Sono sparita per qualche giorno! Un po impegnata con il lavoro, un pò con Alessandro a casa da qualche giorno con la febbre... va beh, capita!  Ho preparato diverse cose da proporvi! 
Tra ieri e oggi la mia casa è stata inondata da profumi di ogni genere.
Stasera però vi regalo una ricetta di famiglia. E' la pasta al forno con il cavolfiore bianco. E' una ricetta che ho portato in giro dovunque sono stata e che ha sempre ottenuto il plauso di tutti. 
Quindi vi consiglio di provarla e, se volete, riadattarla ai vostri gusti. Posso dire che è una ricetta siciliana perchè per tutti è sempre stata una novità. Normalmente il cavolfiore viene accompagnato da besciamella, o mangiato in insalata. Anche queste sono tutte delle belle versioni! Ma cotta in forno così... è trooooopppo buona! 
Mentre stavo per andare a prendere la teglia mi sono fatta ispirare da una teglia in silicone e ho pensato.... perchè non farla a timballo? Ma va bene anche in una teglia normale.... 


Ingredienti per 4 persone
1 cavolfiore di circa 500 gr
350 gr di polpa di pomodoro
200 gr di acqua
60 gr di parmigiano
100 gr. di emmenthal
noce moscata
400 gr di pasta, formato fusilli


Esecuzione
Lavare il cavolfiore e tagliarlo a tocchetti.
In parte ho preparato col Bimby. Grattugiare il parmigiano e tenere da parte. Tritare l'emmenthal: 3" vel.5-6 e tenere da parte. Pulire bene il boccale da residui di formaggio - anche con uno scottex. Mettere 50 gr di olio e 1 spicchio d'aglio: 3', 100° vel. soft. Quindi aggiungere il cavolfiore lavato e sgocciolato: 5', 100°, vel. 1 antiorario. 
Nel frattempo mettere l'acqua per la pasta.
Passati i 5', sfumare con 50 gr di vino: 2', temperatura varoma, vel. 1 antiorario, con il misurino inclinato. Aggiungere quindi il pomodoro, l'acqua e il dado. Cuocere 20', 100° vel. 1. 
Quando l'acqua bolle versare la pasta e farla cuocere il tempo necessario meno 2-3'. Quindi cercate di far coincidere con il tempo rimanente necessario per la cottura del sugo. 
Versate il sugo in una pirofila, aggiungere la pasta scolata e verificare che non sia troppo asciutta: nel caso aggiungere un po d'acqua di cottura. Quindi una bella spruzzata di parmigiano, l'emmenthal, amalgamate il tutto e coprite lo strato superiore ancora con un po' di parmigiano e una bella grattugiata di noce moscata. 
Infornare a 200° in forno già caldo, finché sulla parte superiore la pasta non tende ad incrostarsi - circa 30'. Lasciate riposare almeno un quarto d'ora, quindi servite! 
Il successo è assicurato, anche con chi non apprezza questo tipo di ortaggio. 
Come sempre scegliete le verdure del contadino e se potete, utilizzate - come me - solo le conserve di pomodoro fatte in casa! Hanno tutt'altro sapore!:-)
Il piatto in ceramica visibile nelle foto è di Terre Solari.


    Provate e poi lasciatemi un messaggio se volete!:-) 


Dal momento che questa è tra le ricette che "mi riporta a casa" tutte le volte che la preparo - ormai da più di 20, che la sua semplicità mi fa pensare alla dieta mediterranea - preparata con un prodotto invernale che si sposa con il pomodoro conservato durante l'estate, mi è sembrata la ricetta giusta per partecipare al Contest "C'era una volta...", ideata da Pensieri e Pasticci in collaborazione con DragonflyShop


A prestissimo!:-)


2 commenti:

Potrebbe anche interessarti...

Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...