cos'è casa mia?

cos'è casa mia?

venerdì 27 luglio 2012

Un mare di cous cous... vegan!


Abbiamo atteso a lungo che le temperature si alzassero! Poi si sono alzate e sono arrivati tutti i personaggi mitologici .... Caronte, Minosse e non so' chi altri... chi a portare caldo, chi a portare freddo... chi non vedeva l'ora, chi diceva che era troppo, chi fugge in montagna .... tuttavia questo è, non possiamo fare molto! 

Oppure si, qualcosa possiamo! Intanto vedere gli aspetti positivi!:-) 
Per me - sarà stupido - ma l'aspetto positivo è che d'estate non devo stendere e piagare decine di calzini.... I bambini stanno in casa in mutande e canottiera. Ci si veste in un secondo: maglietta, pantaloncini e sandaletti e sono già a posto! Se devi spostarti puoi partire anche con pochi cambi, tanto lavi e si asciugano in un baleno. Si riducono quindi anche i bagagli... in compenso c'è la borsa per il mare, i giochi e non so' che altro. Va tutto bene, tanto si parte per le vacanze! 

Cos'altro ha di positivo questo caldo? Il caldo ci porta un orto pieno di colori: zucchine, peperoni, melanzane, cetrioli, pomodori... e poi tanta frutta: pesche, angurie, meloni, fichi, e poi l'uva.... Insomma il caldo è una benedizione per il cibo che portiamo in tavola. E poi tutte queste verdure si prestano bene ad essere preparati in mille modi, per tempo, anche consumate fredde...

Va bene tutto, ma la quotidianità certe volte ci soffoca. La mente vaga, avrebbe voglio di fuggire. Il caldo peggiora la situazione. Personalmente mi piace andare in vacanza vivendolo quasi sempre come una fuga reale: "basta cell., di certo in 10 gg non succederà nulla di grave, non c'è bisogno di raccontare tutti i giorni dove sei, cosa hai fatto". Ogni contatto con chi è rimasto a casa è un riportarti alla quotidianità, quella quotidianità da cui sei fuggita e tutte le volte sembra che riazzeri la vacanza e devi ricominciare da lì la fuga! Per questo, sarò strana, ma in vacanza, soprattutto se sono all'estero, mi dimentico di tutti, salvo nell'acquistare qualche souvenir per amici e parenti. 
Ogni tanto qualcuno chiama - le mamme soprattutto - e chiedono: "ma dove siete!" Mi sembra un risvegliarmi: "oddio dove sono?" "Ah, si, sono in vacanza, ok stiamo tutti bene!" 

Ma quale più bel sogno di quello di fuggire per mare?

E così, mettendo insieme i tre suddetti ingredienti - la voglia di preparare un piatto per tempo, di prepararlo con le delizie di stagione che diventano il mare su cui navigare ..... mi ispiro ad Ulisse, che andò per mare e nessuno per anni sapeva se mai l'avrebbero rivisto! 

Mi sono fatta ispirare dalla presentazione di Cooking Elena, che trovate qui. E quando mi sono trovata per le mani una melanzana che volevo fare ripiena, la mente l'ha trasformata in una barchetta, come quelle di legno dei pescatori.... 




Ingredienti per 2 persone:

1 bicchiere di cous cous
2 melanzane medie
1 zucchina
basilico
menta
pomodorini
sale
olio evo

Preparate le melanzane. Una delle due tagliatela a metà, dal lato lungo. Scavatela, mettete poco di sale grosso e lasciate che tolga l'acqua. 
Tagliate il ripieno ricavato a tocchetti, mettetelo in uno scolapasta, insieme all'altra melanzana che taglierete a metà, ricavate 4 fette dalla parte centrale, e il resto tagliate a dadini, mettete sempre un po' di sale e lasciate a togliere l'acqua. 

Nel frattempo, tagliate a dadini le zucchine e ripassatele in padella con poco olio. Devono rimanere croccanti. Quindi tagliate a tocchetti anche i pomodorini, salate e tenete da parte. 
Mettete il cous cous in un'insalatiera e preparatelo come da istruzioni che normalmente trovate sulla scatola. Il mio prevedeva stessa quantità di acqua calda e cous cous - quindi 1 bicchiere di cous cous e 1 di acqua, più un cucchiaio di olio - e lasciate "rinvenire". 

Quindi lavate e asciugate le melanzane. Friggete prima le fette; poi le barchette - prima l'esterno e, quando saranno morbide anche l'interno - quindi il ripieno. 
Aggiungete al cous cous tutti gli ingredienti: zucchine, melanzane (a parte le barchette e le fette), pomodorini, menta e basilico. Aggiungete ancora poco olio se necessario. 
Tenete ad insaporire in frigo, preferibilmente tutto il giorno o tutta la notte. 

Quindi in un padellino antiaderente scaldate appena il cous cous - giusto per togliere il freddo del frigo ed esaltare i profumi. Riempite le barchette e ponete al centro uno stecchino in cui avrete infilzato le fette di melanzane in cui avrete avvolto un pezzetto di pomodoro, e utilizzate una foglia di basilico per creare la vela in alto. 

Un piccolo segreto: ponete un pezzetto di pomodoro come base, "nascosto" nel cous cous, e infilzate sopra lo stecchino. Questo vi servirà per dargli una base "più solida". 

Ponete il resto del cous cous condito sulla base e poggiate sopra la vostra barchetta, in partenza per i vostri viaggi da sogno e degustate.

E mentre lo assaporate pensate a come potrebbe essere un viaggio senza meta! Solo nella speranza che il vento vi porti su un'isola da sogno... ! 
In fondo, per quanto la società di oggi tenda a volere tutto organizzato, sapere cosa, dove, quando, come e perchè ... la vita è tutta un sogno, e non sai cosa ti aspetta! Bisogna solo controllare il vento, direzionare le vele, affrontare le tempeste per poi godere del sole e del mare calmo e cristallino.... 

Buon Agosto a tutti, a chi è già tornato, a chi non è partito, a chi aspetta di partire!:-)  





















12 commenti:

  1. Sono entusiasta di questa bellissima presentazione! Evviva Ulisse! Adesso voglio navigare anche io in queste barchette di cous cous..e non tornare più a Itaca! :) A questo proposito, vorrei dedicarti la stupenda poesia di Kavafis, 'Itaca'. Ogni tanto è bello dimenticarsi della quotidianità per inseguire il vento, privo di voci! Un bacione grande!

    RispondiElimina
  2. che bella presentazione...fa una gola....

    RispondiElimina
  3. Troppo buono questo cous cous!!!!!

    RispondiElimina
  4. Bellissimo! Perché non partecipi al concorso del Cous-cous di S.Vito? Poi ti dò i riferimenti se vuoi. Ieri ti ho chiamata...oggi sei a casa? Sentiamoci, baci

    RispondiElimina
  5. certo portandoci tutto dietro non stacchiamo mai la spina dal quotidiano..e ke vacanza è?! fai bene se ci riesci :D una barchetta di melanzane in un mare di cous cous è l'ideale per evadere! un piatto semplicemente delizioso! ciao cara!

    RispondiElimina
  6. ciao
    una delizia:
    il post che si legge così bene...che si evade!!!
    la ricetta: buona..profumata...estiva!!
    la presentazione: bellissima!!
    un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  7. CIao Maria Luisa grazie di essere passata....questo cous cous è veramente simpatico oltre che gustoso!!! ....come ti capisco x l'argomento vacanze!!! anche a me piacerebbe staccare completamente ed a volte mi "dimentico" il cell da qualche parte prima di andare in spiaggia proprio per evitare il "ritorno alla realtà" che dicevi!!! buona giornata!!!

    RispondiElimina
  8. Sento tutta la stanchezza di un anno difficile alle spalle....e spero di riuscire a trascorrere qualche giorno di relax con mio marito...
    Bellissima la tua presentazione insolita ed adatta anche ai più piccoli....brava!!!!

    RispondiElimina
  9. Cara Marialuisa, hai fatto bene a farti ispirare perchè la presentazione è bella sicuramente tanto quanto è buono il piatto. Io adoro il cous cous e sarà bello mangiarlo lasciandosi trasportare per questi mari meravigliosi su barchette di legno... tutto come una volta!

    RispondiElimina
  10. Grandioso questo piatto, Maria Luisa, è molto ma molto intrigante sia per gli ingredienti che per la presentazione!
    Questo caldo toglie persino l'appetito, ma davanti a questo cous cous viene voglia di sedersi a tavola.
    Ti volevamo ringraziare per la ricetta che ci hai mandato per il nostro Contest, scusa se lo facciamo solo ora, ma siamo stati lontani dal blog per ben oltre un mese, ora siamo tornati e a settembre decreteremo i vincitori.
    Un bacione da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  11. Ciao carissima, fortissimo il cous cous vegan! Anche io cous cous vegan, la presentazione in barca però è tutta tua! bravissima! a rileggerci presto♥

    RispondiElimina
  12. Quanto mi piace il cous cous ... ma onestamente mai preparato a casa ... chissa' che stavolta ci faccia pensierino... ho finito di pranzare da poco ma l'avrei gustato volentieri... a presto giovanna p:s il tuo blog e' carinissimo

    RispondiElimina

Potrebbe anche interessarti...

Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...