cos'è casa mia?

cos'è casa mia?

domenica 22 luglio 2012

Pizza pizza marescia'

Da diversi anni abbiamo appuntamento fisso il sabato sera con... la pizza! 
Se abbiamo amici a cena il menù non cambia, cambia solo la quantità da preparare. 

Tuttavia da quando è scoppiato il caldo, il pensiero di accendere il forno non mi andava proprio. 
E poi le nostre vacanze in Germania e in Alto-Adige... insomma, la pizza non è proprio tipica da quelle parti e abbiamo sempre optato per mangiare piatti tipici.
Ho fatto "morire" anche il lievito madre, ma vado tranquilla che la mia amica Simona me lo rifornirà appena riprendiamo i ritmi normali a Settembre, e non appena tornerà il tempo più adatto a riaccendere più spesso il forno, quindi ad utilizzarlo spesso. 

E' anche vero che con questo caldo la pizza lievita da sola! Ho impastato la pizza stamattina mettendo giusto qualche grammo di lievito di birra e già alle 16 era bella che lievitata. 
Ma andiamo per ordine. 

Riccardo e Alessandro erano in crisi di astinenza. Me la chiedevano da giorni. Stasera, visto che anche io ero in astinenza da preparazione pizza, e visto che ho messo le mani anche dentro al freezer e al frigo per rimettere un po' di ordine, mentre spostavo i vasetti da una parte all'altra consideravo qualche alternativa per condire la pizza stasera... 
Ed ecco cosa è venuto fuori: 


a parte una che obbligatoriamente deve essere margherita per i piccoletti. 


La ricetta è la stessa che ho già pubblicato e che trovate qui.


I quattro tipi di farcitura sono:
  • Messinese: passata di pomodoro, pomodoro a pezzi, insalata riccia, mozzarella, olive nere, acciughe sott'olio;
  • Alla norma: con melanzane (grigliate, per essere più leggere) e ricotta infornata;
  • Bianca, con certosa, melanzane trifolate, menta, speck dell'Alto Adige;
  • Verde, con pesto di finocchietto e gamberetti rosa.









E' chiaro che non ho preparato tutto oggi per farcire la pizza!:-) Ma fare sempre un po' di più e congelare - quando le quantità e il tempo ce lo consentono - è fantastico, perché al momento giusto tiri fuori e sono belli e pronti per l'uso. 
Proverò qui a darvi indicazioni come se avessi fatto 4 pizze differenti. 

Per la messinese: stendere la passata di pomodoro - non tantissima - e far cuocere la pizza nella parte bassa del forno. Quando sarà dorata sotto - e anche un po' sopra - tirarla fuori, coprirla con la scarola riccia, quindi distribuire i pomodori a pezzetti, la mozzarella, le acciughe e le olive. Finire con un filo d'olio. Ripassarla in forno finchè non si scioglie la mozzarella. 


Per quella alla norma: procedere come sopra con il pomodoro e la prima cottura. Quindi coprite con le melanzane fritte (anche a tocchetti se preferite) o, come in questo caso alla griglia e già condite e finite con ricotta infornata grattugiata. Ripassate qualche minuto in forno. 


Per quella bianca. Preparate l'impasto, bucherellate con i rebbi di una forchetta. Coprite la pizza con un mix di acqua e olio - in proporzione 1/4 di olio e 3/4 di acqua - e versatelo sulla pizza prima di infornarla. L'acqua evaporerà durante la cottura, ma la pizza rimarrà morbida. 
Nel frattempo mettete nel boccale del Bimby olio e uno spicchio d'aglio lasciando la camicia. Fatelo soffriggere: 4', 100°, vel. 1, antiorario. Quindi aggiungere una zucchina tagliata a dadini, aggiustare di sale e cuocere: 12', 100°, vel. soft., antiorario.
Quando la pizza sarà quasi pronta tiratela fuori, coprite con certosa lasciata a tocchetti qua e là e con le zucchine. Ripassatela ancora qualche minuto in forno finchè la certosa non sarà fusa, quindi tiratela fuori, aromatizzate con la menta tritata e coprite con fettine di speck tagliato sottilissimo. A contatto col calore la parte grassa si scioglierà. 


Per quella verde. Procedete alla prima cottura come quella bianca. Quindi distribuite il pesto di finocchietto e i gamberetti sgusciate e/o non, che avrete fatto cuocere qualche minuto in una padella, a fuoco vivo, con il coperchio e senza alcun condimento. 
Il pesto di finocchietto, che avevo preparato e congelato qualche mese fa ho proceduto così:
far bollire 200 gr di finocchietto per circa 10'. 
Mettere nel boccale del Bimby - o in un mixer - 30 gr di pinoli, 60gr di parmigiano, 10 gr i pecorino - io maiorchino - e tritare: 20'' vel 9. Aggiungere qualche foglia di basilico, il finocchietto, 1 spicchio d'aglio, 1 filetto di acciuga sott'olio, 50 gr di olio: tritare 40' a vel.7-8. Se necessario continuare ad omogeneizzare fino a raggiungere il risultato desiderato.


Per fare una sola teglia con i quattro gusti ho proceduto come vedete dalle foto.


Se dovessi dirvi quale mi è piaciuta di più.... non saprei scegliere! Erano veramente ottime.... 


Con questo post partecipo al contest "L'idea del mese te la do' io" ideato da "La cucina di Laura", (almeno con le "sezioni" farcite con zucchine e melanzane":













2 commenti:

  1. Grazie mille per essere passata dal mio blog, mi sono segnata tra i tuoi lettori per tenerti in contatto,....per una pizza così...ip ip hurrà!!!

    RispondiElimina
  2. aggiunta!!!!!!!! sei un tesoro!! :D

    RispondiElimina

Potrebbe anche interessarti...

Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...