cos'è casa mia?

cos'è casa mia?

lunedì 15 ottobre 2012

Pan brioche con ripieno alla messinese



Chissà se si può definire patologia... ?
Perchè più che nostalgia la chiamerei proprio "affetta da patologia di dieta mediterranea"! Si può dire? 
Giustifico così il mio legame ai sapori della mia isola, la Sicilia. Perché non è che ho voglia di tornare a viverci. Fosse per me potrei vivere in un camper per tutta la vita, al solo scopo di poter cambiare paese, città, emisfero ogni qualvolta lo ritengo necessario. Mi piace sentirmi cittadina del mondo, non metto mai radici. E qualsiasi posto io abbia visitato per una breve vacanza, o dove ho vissuto più o meno a lungo, a parte le bellezze naturali o architettoniche, le persone che incontri, sono i profumi e i sapori dei cibi, fosse anche una semplice ma gustosa insalata, anche solo un cappuccino, un té, un cioccolatino, che mi legano indissolubilmente ad un paese, ad una casa, a una persona. Tutto quello che posso lo riproduco - se possibile, se mi riesce - o quanto meno ci provo! Altre cose invece preferisco pensare che un giorno tornerò e le mangerò lì, di nuovo. Come l'ananas e le banane... dopo averle mangiate a Cuba... vabbé, non c'è confronto, mi faccio del male a mangiarle qui... 

Questo per dire che ieri, nel corri corri di una domenica mattina, con un impegno subito dopo pranzo, con varie telefonate ricevute, il tempo per preparare il pan brioche che avevo promesso di portare, si era ridotto al minimo. 

L'avevo messo a lievitare sabato sera, aggiungendo solo un pizzico di lievito di birra, ed era pronto per prendere forma. Elimino dalla mia testa tutte le idee che avevo pensato e riduco il tutto a una torta salata. Ma il risultato non mi è dispiaciuto per niente! Così non l'avevo mai provato. Anche il ripieno era stato pensato più "elaborato", ma per la fretta c'è stata la variazione dell'ultimo momento. E chissà perchè, quando meno te l'aspetti, quel ricordo di cose buone ti torna alla mente e ti giunge in aiuto. Perchè non fare un ripieno come la focaccia messinese? 


Corri corri, ma questa torta era davvero ottima ed è stata apprezzata da tutti. Ho sottratto l'ultima fetta, al solo scopo di fotografarla e condividere sul blog anche la ricetta.... 

Ingredienti: 

1 dose di pan brioche - vedi qui
1 piccolo cespo di lattuga scarola
150 gr di scamorza morbida
6-7 olive greche
3 pomodori maturi sodi 
sale q.b.
olio evo
origano

Impastando il pan brioche la sera prima, potete utilizzare solo un pizzico di lievito e lasciarlo lievitare tutta la notte. 
Quindi dividete a metà il panetto. Stendete la prima parte fino ad ottenere una base che copra una teglia classica da pizza. Bucherellate la pasta sul fondo aiutandovi con una forchetta.
Quindi lavare e asciugare la lattuga e i pomodori. Tagliate la lattuga a striscioline larghe 1-2 cm e ricoprite completamente la base della pizza. Tagliate a tocchetti i pomodori e distribuiteli sopra la lattuga. Stessa cosa vale per la scamorza e le olive, avendo cura di eliminare l'osso. 
Salate e condite con olio a piacere e aromatizzate con origano (meglio se profumato. Io uso quello siculo, raccolto a tempo debito e messo a seccare). 
Stendete il secondo panetto e coprite la pizza, sigillando i bordi. Visto che era rimasto un pezzetto da parte ho deciso di decorarla con una sorta di "cordone". 


Spennellate con l'uovo la superficie e a piacere spolverate con semi di sesamo. 
Infornate per 20' a 200°. Il pan brioche è pronto quando risulta dorato, quindi la durata della cottura può dipendere dal forno.

Gustarla tiepida o fredda. 

Alla prossima!:-) 







5 commenti:

  1. Non ho parole per descrivere la bontà di questa tua creazione.. è semplicemente spettacolare! I miei complimenti, di cuore! Anche le foto sono meravigliose...! :) Buon lunedì!

    RispondiElimina
  2. Me lo sto mangiando con gli occhi!!!

    RispondiElimina
  3. Che dire... favolosa!!! Capisco perché non ne è rimasta nemmeno una fetta!!!

    RispondiElimina
  4. La fretta a volte è consigliera!!! Complimenti è bellissima!

    RispondiElimina
  5. Io l'ho assaggiato ed era squisito!!!
    Maria vittoria

    RispondiElimina

Potrebbe anche interessarti...

Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...