cos'è casa mia?

cos'è casa mia?

giovedì 21 febbraio 2013

Arancini vegetariani con pesto di finocchietto e zucca al forno


Sicula io? ... ehmmm, si, sono sicula:-) 
Gli arancini io? ... ci sono cresciuta!:-)  
E lo sappiamo, gli arancini sono come la pizza, come la pasta ripiena. Ci sono i condimenti che diventano un classico, perchè mai è stato fatto abbinamento migliore, ma la tentazione di provare condimenti nuovi è sempre in agguato per chi come noi ama sperimentare in cucina! 
Avete mai visto una pizzeria senza pizza margherita? O quattro stagioni o capricciosa? Poi magari vai in una pizzeria dove la fantasia del pizzaiolo ti offre alternative validissime, ma che trovi solo lì. Un es. che mi viene in mente è la pizzeria dove abbiamo mangiato la pizza l'estate scorsa, a Filicudi. Le pizze avevano il nome delle isole, ed erano condite in maniera più o meno semplice, con capperi, pesce di vario tipo, piuttosto che pomodoro fresco... ne abbiamo prese 4 diverse per assaggiarle tutte, ed erano tutte buone! 
Ma quel mix non lo troverò mai al centro di Roma, o a Bolzano. Ne troverò altre, tutte validissime, soprattutto se sono buoni gli ingredienti di base. 
E così la pasta ripiena, dove si va anche oltre, bisogna abbinare anche il condimento. 


Così gli arancini... 
Conditi in vario modo, ma il classico è sempre il classico e la ricetta la trovate qui. Ma l'ultima volta che li ho preparati ho voluto provare una versione che legasse tradizioni del sud con quelle del nord Italia, del tutto vegetariano. 
E sono venuti fuori questi deliziosi arancini delicatamente colorati, ma gustosissimi. 
Il ripieno? Pesto di finocchietto selvatico e zucca 
Il pesto per la verità l'avevo preparato l'estate scorsa quando ho potuto acquistare il finocchietto e preparare il pesto, che ho congelato - lo sapete, questo è un blog in cui sono ammesse solo stoviglie di "coccio" e frutta, verdura e pesce rigorosamente di stagione. 



Ma eccovi la ricetta:

Ingredienti per 18 arancini:

la ricetta base per il riso la trovate qui;

600 gr di zucca gialla dolce
200 gr di finocchietto selvatico
30 gr di pinoli
50 gr di parmigiano
10 gr di pecorino (io Maiorchino di Az. Agr. Isgrò)
qualche foglia di basilico
1 spicchio d'aglio
50 gr di olio evo

Togliete la scorza alla zucca, tagliatela a fette grandi e spesse, ponetela in una teglia antiaderente, copritela con carta alluminio e mettetela in forno già caldo a 200° per mezzora o finchè non diventa morbida. 
Mettete dell'acqua a bollire dove cuocerete il finocchietto.
Pulite il finocchietto togliendo i filamenti dai gambi. Lavatelo e quando l'acqua bolle mettete a cuocere per 10-15'. Togliete dall'acqua utilizzando una schiumarola. 
In un mixer (io nel Bimby) mettete il parmigiano, il pecorino, l'aglio, i pinoli, il basilico e tritate. Aggiungete il finocchietto e omogeneizzate (nel Bimby 40'' vel. 7-8). Aggiungete l'olio e amalgamate. 

Se dovete preparare il riso per gli arancini utilizzate l'acqua di cottura del finocchietto; in alternativa conservatela in frigo o in freezer e utilizzatela per cuocere preparazioni da condire con il pesto di finocchietto. 

Procedete come nella ricetta degli arancini di base, utilizzando come condimento un cucchiaino abbondante di pesto e un po' di zucca cotta, che avrete pestato delicatamente con una forchetta, aggiustato di sale e un filo d'olio. 

E siccome, come al solito 18 sono troppi per due adulti e due bambini, è sempre comodo prepararli e congelarli... e come stasera, tirare fuori quelli che servono almeno 2 ore prima, friggere e mangiarli! 

Alla prossima! 
Maria Luisa:-) 







11 commenti:

  1. Ciao Maria Luisa amo gli arancini, in tutte le loro varianti, mi piace anche la tua!!!! Brava, complimenti anche per le foto e a prestooooo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mariangela:-) una volta che passi da qui aranciniamo insieme allora!:-)

      Elimina
  2. Sono bellissimi, Mari! Dei piccoli soli ripieni di bontà! Vegetariani secondo me sono ancora più particolari :) Un bacio grande grande <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Ely, sai che non avevo pensato al sole? in effetti... mangiare un arancino scalda il cuore:-) un abbraccio a te!

      Elimina
  3. E però non è giusto! Lo sai che quando vedo queste cose rosico....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. recuperando un po' di pangrattato di pane senza glutine possiamo provare a rifarli e mangiarli insieme.... baci!:-)

      Elimina
  4. Una buonissima idea questi arancini! E chi lo dice che non si possono fare diversamente? Squisiti davvero! Se ti va puoi partecipare al mio Linky Party "La Cucina di una Volta" con una tua ricetta! A presto! Pamela
    www.lavitafrugale.com

    RispondiElimina
  5. Buonissimi, sono simili a quelli che faccio io, complimenti!

    RispondiElimina
  6. Davvero sei siciliana? Palermo è stata la mia casa durante gli anni dell'adolescenza sai:)
    Ricordo pomeriggi doposcuola a base di arancine di tutti i tipi. Che piacere poter vedere questi ripieni. Deliziosi veramente. Caro saluto.

    RispondiElimina
  7. ehi...queste si che sono "arancine" alternative! scrivi "arancini" e ti dirò dove li mangi ;-)) Sicilia orientale? ha ha ha... sono bellissimi chiamati in qualunque modo, hai avuto grande fantasia a sperimentare, brava! buon we, un abbraccio :-D

    RispondiElimina
  8. Dovrò imparare a farli visto che il marito nordico austrungarico li adora! Bravissima, quei profumi e qui colori sono una magia.
    A rileggerci presto e buona serata ♥

    RispondiElimina

Potrebbe anche interessarti...

Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...