cos'è casa mia?

cos'è casa mia?

mercoledì 14 gennaio 2015

Riso alla cantonese... quello vero!


Ricomincio dalla Cina... 
...perché riconoscersi fortunati di essere nati in un Paese ricco di storia gastronomica vuol dire anche poter riconoscere e apprezzare le cose buone di altri Paesi, di altre storie gastronomiche... 
...perché saper apprezzare la cucina degli altri vuol dire 
ritrovarci dentro il rispetto per le altre tradizioni, culture, religioni. 
Un piatto ben curato e preparato con amore mette sempre tutti d'accordo. 
Non sono necessari piatti ricchi, ma solo buoni, 
rispettosi del territorio, delle stagioni, della nostra salute. 
Dentro ai piatti non ci sono inferni né paradisi.
Qualcuno ha provato a fermare le guerre mettendo dei fiori nei cannoni... 
e se si potessero fermare andando a pranzo tutti insieme?
O si fanno le guerre perchè qualcuno vuole accaparrarsi la fetta di torta più grossa? Mah.... 

Intanto io ricomincio dal riso, dal senza glutine. 
Ricomincio da un piatto che tutti abbiamo mangiato nei ristoranti cinesi e apparentemente talmente semplice da fare che ci abbiamo provato almeno una volta a rifarlo a casa.
Io me ne ricordo almeno ai tempi dell'università... 
una ricetta che riproponevano spesso sulle riviste di cucina! 


Cucinare pare semplice... 
il difficile è fare ricette indimenticabili! Quali? 
Ognuno di noi ha replicato ricette della mamma, dell'amica, della nonna o della zia... 
replicate e anche migliorate o personalizzate! 
Ma se non sono ricette di famiglia?
Allora ci si affida alla rete... 
ma la rete, rete è... è una trappola! 
Ho imparato nel tempo a spaziare e alla fine a fidarmi solo di alcuni blogger, quelli che... 
non c'è ricetta che non sia descritta dettagliatamente; 
... quelli che non c'è ricetta che non riesca...
Tra queste posso di certo annoverare Martina di Trattoria da Martina
da cui ho preso la ricetta che vi propongo oggi, con qualche piccola variante. 

Non so, a me sembra di non avere mai mangiato un riso alla cantonese così buono! 
Ve lo consiglio vivamente...


Ingredienti per 4 porzioni

300 gr di riso Jasmine (io Coop Fior Fiore)
500 gr di acqua
120 gr di cotto di buona qualità
(io Prosciutto cotto affumicato tagliato a mano)
130 gr di piselli fini (surgelati)
1 uovo grande (di galline felici!) 
olio di arachidi
sale e pepe

Martina propone di aggiungere olio di sesamo alla fine, ma io non l'avevo. 

Iniziare la sera prima preparando il riso. 
Normalmente, avendo il Bimby, preparo questo tipo di riso a vapore. Se non avete il Bimby o la vaporiera seguite le indicazioni sulla confezione. Se invece avete il Bimby mettete il riso nel cestello, sciacquate il riso velocemente sotto l'acqua. Mettete nel boccale 500 gr di acqua, inserite il cestello con il riso e cuocete a vapore: 15', temperatura Varoma, vel. 2. 
A fine cottura sgranate un po' il riso e lasciatelo al caldo nel cestello. 
Una volta freddo, trasferitelo in frigo. 
Il giorno dopo prepariamo il condimento. 
Sciacquate i piselli e metteteli ad asciugare in uno strofinaccio. 
Affettate a listarelle il prosciutto: tenere da parte.
Fare scaldare nel wok un paio di cucchiai di olio di arachidi. 
Nel frattempo sbattete in una ciotolina l'uovo. 
Testate che l'olio sia molto caldo e versate l'uovo girando molto velocemente, strapazzandolo. 
Sarà cotto in pochi minuti. Salate e pepate. 
A questo punto, tenendo la fiamma piuttosto alta, aggiungete i piselli e il prosciutto, facendo bene attenzione che siano bene asciutti e fateli rosolare.
Tenere da parte. 
Rimettere 2 cucchiai d'olio d'arachidi nel wok e quando molto caldo 
- provate con qualche chicco di riso e vedete se sfrigola - versate il riso. 
La quantità indicata in questa ricetta è al limite del consentito - credo - per farlo tutto insieme. 
Il riso deve infatti 'friggere', quindi l'olio non deve abbassarsi troppo di temperatura. 
Non essendo pochissimo ho prima insaporito a fiamma alta nell'olio e poi sparso nel wok in modo da non ammassarlo. Girate di tanto in tanto. Vi ci vorranno almeno 5-7'. 
Il sale va aggiunto a questo punto. 
Quando vedete che il riso è ben rosolato aggiungete il condimento, insaporite per qualche minuto e servite - se lo avete - con qualche cucchiaio di olio di semi di sesamo. 
La prova del 9 - come dice Martina - è che rimanga dell'olio sul fondo del piatto: 
ciò vuol dire che il riso non si è 'inzuppato d'olio' ma solo adeguatamente insaporito. 
Il riso è fantastico con queste proporzioni e con questi ingredienti. 
Per le cose da 'NON FARE' - sostituzioni e/o altro - vi rimando alla fine del post di Martina.

Buon riso! 

Alla prossima! 
Maria Luisa :-)





5 commenti:

  1. E perché mai non hai aspettato domani x partecipare al GFFD con questa meraviglia? Lo proverò stasera stessa ;)

    RispondiElimina
  2. p.s. Abbiamo gli stessi piatti :D

    RispondiElimina
  3. che bel piatto, colorato e saporito!! te lo copio!!! un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Ti è riuscito dsavvero benissimo...Grazie per avermi citato e aver parlato così bene del mio blog! :) Sono felice che la ricetta ti sia piaciuta!! Un abraccio, Martina

    RispondiElimina

Potrebbe anche interessarti...

Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...