cos'è casa mia?

cos'è casa mia?

mercoledì 21 gennaio 2015

Pan bauletto ai cereali e orzo tostato/ grano saraceno


Può un numero renderti felice? 
Può lo '0' come risposta farti sentire orgogliosa e allo stesso tempo fuori tempo, fuori moda, fuori come un balcone? 
Già, si, è così! 
Stamattina una signora ha detto ad Alessandro 
"... dai vieni a Roma sabato mattina e poi potete andare al Mac!..." 
Lui, che la timidezza non è il suo forte, per tutta risposta: 
"Ma tu lo sai quante volte siamo andati al MacDonalds?" 
Lei "NO!" Lui: "Zero! Mia mamma dice non vuole spendere soldi per la spazzatura da mangiare!" Lei: "Beh, si...!"  
Ecco, senza mezzi termini, ha rivelato il mio pensiero! 
E io, sorridente:"Se andiamo a Roma li porto a mangiare la pizza da Bonci, o da Eataly, una cacio e pepe a Testaccio, a Trastevere!"
Perchè far passare il messaggio che andare al Mac fa figo? 
Non è figo per niente!
Sisssi, già vi sento... lo so, lo so che i miei figli, come tutti, come me medesima, avranno periodi della loro vita in cui faranno man bassa di schifezzerie varie, ma che io ce li accompagni con la manina... no! 
C'è un detto inglese che amo molto: 
"Ci sono due regali che puoi fare ai tuoi figli: le radici e le ali!" 
Ecco: provo a dare le radici, poi quando voleranno via decideranno da soli cosa è meglio per loro. 
E le mie radici sono queste. 
Ho provato anch'io i Fast Food, soprattutto ai tempi dell'università, e ho deciso, da tempo, che posso farne a meno, posso ignorarli! 


E perchè le radici attecchiscano bene... 
bisogna piantare bene, innaffiare, concimare... 
Sapete che profumo c'è dentro casa quando preparate questo pan bauletto? Provare per credere!
La ricetta base la trovate qui
Ma potevo fermarmi? 
E allora ho provato e riprovato. 
In Friuli ho trovato queste farine macinate a pietra, favolose. 
Al Mercato Contadino di Ariccia (Roma) 
ho trovato la farina d'orzo tostata.  
Quando preparo questi pan bauletti la dose più semplice è farne due. Preferite farine macinate a pietra se potete. Le mie, a parte la manitoba, sono tutte dell'Antico Molino F.lli Persello

Ingredienti per 2 
pan bauletto all'orzo 

water roux
350 gr di acqua
70 farina bianca

1° impasto:
150 gr di latte (anche di soia) 
50 gr di acqua
4 gr di lievito di birra
1 cucchiaio abbondante di zucchero
150 gr di water roux
200 gr di Manitoba (io Lo Conte)
100 gr di farina Tipo 1
200 gr di farina ai cereali
50 gr di olio EVO (io Grossa di Cassano di Az. Agr. Doria)
7 gr di sale fino

2° impasto
150 gr di latte (anche di soia) 
50 gr di acqua
4 gr di lievito di birra
1 cucchiaio abbondante di zucchero
150 gr di water roux
200 gr di Manitoba (io Lo Conte)
100 gr di farina di orzo tostata 
(io Farina del tuo sacco, 
solo al Mercato Contadino)
200 gr di farina ai Tipo 1.
50 gr di olio EVO (io Grossa di Cassano di Az. Agr. Doria)
7 gr di sale fino

Per preparare quello con grano saraceno, sostituire nel secondo impasto le farine come di seguito: 
100 gr di farina Tipo 1
200 gr di Grano saraceno

Io procedo col Bimby, ma a parte la water roux va bene anche un'impastatrice qualsiasi. 
Mettere nel boccale l'acqua e la farina: 65/70°, 4', vel 3. Quando raggiunge la temperatura potete spegnere e tenere da parte. 
Senza lavare il boccale aggiungere il latte e l'acqua del primo impasto. Se il latte è freddo di frigo, stemperare a 37° per max 1'. Aggiungere il lievito e lo zucchero. Miscelare a vel. 3 per qualche secondo. Aggiungere quindi la manitoba, 150 gr di water roux, e le altre due farine miscelate. Lavorare l'impasto per 4', vel. spiga. Dopo qualche minuto aggiungere il sale, e dopo 2' aggiungere l'olio poco per volta, aspettando tutte le volte che venga assorbito dall'impasto (qualche secondo). Tirare fuori l'impasto, farne una palletta, mettere in un contenitore e lasciar riposare in una dispensa o dentro al forno per 1 ora.
Procedere allo stesso modo con il secondo impasto. 
Dopo 1 h, riprendere gli impasti, pesarli e dividerli a metà. Tirarli uno per volta formando un rettangolo e procedere come nelle foto - passo-passo - sotto. 
Mettere il rotolino in un contenitore da plum cake imburrato o semplicemente oliato. Lasciar lievitare per 1h e mezza. 


Accendere il forno a 220°. Quando avrà raggiunto la temperatura infornare e mantenere la temperatura per 10'. Quindi abbassare a 200° e continuare a cuocere per altri 15-20' (dipende dal forno). Per non sbagliare, dopo 15' fate la prova stecchino. Quando pronto, sfornate, togliete dal contenitore e mettetelo a raffreddare su una gratella. Pennellare la crosta con poco olio di oliva per mantenerla morbida. 
Lasciarlo raffreddare completamente prima di metterlo in un sacchetto per alimenti. 

Ottimo tostato e spalmato con la marmellata; ottimo con l'olio e l'origano; fantastico per preparare la merenda per la scuola. Si mantiene morbido anche una settimana - se ci arriva! 



Buona colazione, buona merenda... 
Alla prossima!
Maria Luisa :-) 

Nessun commento:

Posta un commento

Potrebbe anche interessarti...

Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...