cos'è casa mia?

cos'è casa mia?

sabato 10 novembre 2012

Anellini siciliani al forno


Anticonformista per natura si! Dipenderà dal segno zodiacale? Non so'!
Seguire sempre l'istinto e le passioni, anche quello, si! E guardare avanti, proiettarmi nel futuro, non per progettare, ma solo per capire come un'azione di oggi possa ripercuotersi positivamente o negativamente tra 20 anni sulle generazioni future, dei miei figli e di chi verrà dopo di loro, anche questo: SI! 

Spirito libero quindi! Si. Da una parte. Dall'altra sento la necessità di vivere in un paese dove esistono delle regole. Un po' come l'artista che ha bisogno di conoscere le basi del suo lavoro - i colori  primari e come miscelarli per ottenere le varie sfumature, conoscere la prospettiva dei soggetti. E poi sviluppare la propria tecnica. Acquerello, acrilici, matita e via dicendo. 
E, come l'artista, non mi adeguo alla prassi, all'abitudine, alla tradizione, soprattutto a tutte quelle cose che nel tempo si sono svuotate di significato, di contenuti. Non riesco ad adeguarmi solo per stare nel gruppo. Ho bisogno di dare un senso attuale e futuro alle cose, mantenendo quello che si può del passato. 

Questo raccoglie il pranzo della domenica. 
Fino a 30-40 anni fa la domenica si faceva il pasto importante; oggi tutto sommato si mangia bene tutti i giorni e la domenica sembra un giorno come un altro. 
Tuttavia, è pur sempre un giorno di festa, di "pausa" dal lavoro. E mi piace sempre preparare qualcosa di buono, perchè così come è stato per me, mi piace pensare che i miei figli un giorno si ricorderanno del "pranzo della domenica". 
Quindi normalmente preparo la pasta al forno. Qui e qui trovate qualche esempio di piatto della domenica.

Oggi vi voglio lasciare una ricetta molto più leggera ma sempre molto gradita. L'ho preparata qualche mese fa, con le ultime melanzane trovate dal contadino. Se fate come me, che preparate le melanzane fritte e le congelate per ogni evenienza... allora è il momento giusto di tirarle fuori! 


Ingredienti per 4 persone:

350 gr di pasta tipo anellini siciliani (io utilizzo quelli di Libera Terra) 
1/2 cipolla
1 carota
1 pezzetto di costola di sedano
150 gr di piselli 
500 gr di passata di pomodoro  
olio evo
basilico

2-3 melanzane (in base alla grandezza) 
olio per friggere 

mozzarella di bufala
parmigiano
pangrattato (meglio se aromatizzato, come qui)

Tagliate a tocchetti le melanzane e mettetele in uno scolapasta insieme ad un po' di sale per circa 1h. 
Passato questo tempo, sciacquatele un paio di volte, strizzatele bene, friggetele e tenete da parte. 
Quindi preparare il sugo. Tritate finemente la cipolla, la carota e il sedano e mettere a soffriggere delicatamente nell'olio. Dopo qualche minuto aggiungete i piselli, mettete il coperchio e lasciate cuocere per una decina di minuti a fiamma delicata, facendo attenzione che non si brucino o che si asciughi troppo. 
Aggiungere quindi il pomodoro, aggiustate di sale e cuocete ancora 15'. Quindi aggiungete le melanzane fritte e fate insaporire qualche minuto nel pomodoro.
Nel frattempo mettete l'acqua a bollire per cuocere la pasta. 
Cuocete la pasta per 5 minuti e finite di cuocerla quindi direttamente nel sugo, allungando con acqua di cottura se necessario. Lasciate che la pasta rimanga al dente: finirà di cuocersi in forno. Solo alla fine aggiungete il basilico tritato e qualche cucchiaio di parmigiano. 

Ungete una teglia con poco olio, e ricoprite con pangrattato. Versate metà della pasta, spolverate con parmigiano e mozzarella tagliata a tocchetti. Versate il resto della pasta, facendo una nuovo giro di parmigiano e mozzarella, spolverate con pangrattato e irrorate con un filo d'olio. 

Infornate una mezzoretta a 200°, finchè il pan grattato non si è abbrustolito o la pasta comincia ad essere incrostata. Io ho scelto di preparala in uno stampo a ciambella che poi ha rovesciato su un piatto da portata. 
Questa preparazione si presta bene anche per pasti in piedi. Si possono infatti preparare anche monoporzioni usando dei coppa pasta. 


Buon pranzo della domenica! 

Alla prossima!
Maria Luisa!:-) 







8 commenti:

  1. Tutto ciò è tanto vero quanto condivisibile, seguono gli anellini davvero invitanti.
    Buone cose

    RispondiElimina
  2. Anche a me piace rispettare la tradizione della domenica o con il pranzo o con il dolce! La tua pasta è favolosa, gli anelletti non mancano mai a casa mia.

    RispondiElimina
  3. Hai scritto delle cose bellissime: sai, è proprio vero. Anche io sono un po' come te, anticonformista e nel contempo convinta che delle regole servano. Perchè 'libertà' non è 'anarchia'. Libertà è anche civiltà, è seguire delle 'norme' che permettono di vivere consapevolmente e nel rispetto degli altri: a quello servono, ad avere rispetto di tutti. Non esiste libertà dove non c'è rispetto. Che bello, questo piattino.. sai, io da anni ormai non vivo più una domenica in compagnia. Sono solo ricordi lontani i pranzi 'della domenica'. Un abbraccio tesoro!

    RispondiElimina
  4. Una ricetta dal profumo ancora estivo, buona buona! Anche se ormai quasi finita buona domenica ugualmente!

    RispondiElimina
  5. a casa mia porto avanti la tardizione del mangiare meglio la domenica: piatti speciali e dolce, anche quando non mi va, ma io sono cresciuta così e vorrei che anche a casa mia aleggiasse quest'aria speciale ogni domenica ;-) un piatto del genere renderebbe festoso anche il giorno più triste :-) buona settimana :-D

    RispondiElimina
  6. ciao Maria Luisa!
    è bellissimo questo tuo piatto della domenica! anche se siamo a dieta io e mio marito, anche a me piace 'distinguere' la domenica con qualche pietanza particolare e pensa che ho in dispensa un pacco di anellini da non so quanto tempo perchè vorrei sempre preparare il classico timballo siciliano...
    un caro saluto
    dida

    RispondiElimina
  7. La ricetta è favolosa, ma.......... scusa, io che non sono siciliana e che non ho avuto dei nonni siciliani che mi hanno insegnato qualcosa, e sono alle prime armi, con le melanzane che mi hai fatto friggere e mettere da parte, che ci faccio? :D Grazie comunque ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo, hai proprio ragione. Avevo saltato il passaggio dell'aggiunta delle melanzane! Ti ringrazio per la segnalazione. Corretto!:-) magari ti firmi così posso darti anche un nome? ciao

      Elimina

Potrebbe anche interessarti...

Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...