cos'è casa mia?

cos'è casa mia?

venerdì 29 marzo 2013

Fideuà: le mie tre proposte


Allora allora, bene bene, dunque dunque... da dove inizio... 
Inizio che a me questa Challange mensile di MTC mi prende tutte le volte; certe volte mi prende bene, certe volte male... 
...ma non mi è ancora capitato di rimanere delusa!:-) 
Mi spiego meglio: certe volte vedo le ricette e non mi entusiasmano, oppure mi sembrano troppo complicate.... poi le provo e come per magia sono tra le cose più buone che abbia mai provato! E poi diciamolo: le ricette dell'MTC sono spiegate in maniera così dettagliata, così curata che... come fai a sbagliare???  
Poi le assaggi, una dopo l'altra e ti senti di essere proprio finita in un bel gruppo... che anche fosse che la tua ricetta non vincerà mai, qui veramente l'importante è partecipare! Eh si, perchè dove trovi la stessa ricetta rifatta in più di 100 versioni diverse? E' una meraviglia... 
E adesso passiamo alla ricetta del mese, proposta dalla vincitrice dell'ultima Challange, la Fideuà di Mai

Mai Mai... ma sai che cosa ho pensato quando ho visto la foto della tua ricetta? Te lo dico? Te lo dico, perchè così, a me piace esternare le mie emozioni, anche quelle meno diplomatiche.... "ODDIO, GLI SPAGHETTI SPEZZATI PROPRIO NON SI POSSONO FARE...... STAVOLTA SALTO DI SICURO!"
Allora allora, dunque dunque... bona, bona, queta queta, mi metto a leggere di questa ricetta, riga dopo riga - che, si, non la conoscevo! Conoscevo invece la paella! 
E dunque dicevo... comincio a leggere questa ricettina, comincio a capire come è nata, da dove viene.... 
.... Mai, la sai una cosa, non ci dormivo la notte per pensare a quello che ci volevo mettere dentro la prima volta che l'avrei fatta!!! Insomma, me ne sono innamorata! E ancor di più quando l'ho provata... già fatta 3 volte... non si direbbe, o si direbbe che voglia tenermi le versioni per me... no, è solo che non ho avuto tempo di dedicare un po' di tempo per raccontarvi tutto questo!:-) 
E adesso sono qui, in mezzo al caos della partenza per Pasqua a finire questo post, ma non posso rinunciare a partecipare.... 
Ho iniziato a scrivere questo post una settimana fa, sperando poi di pubblicare le tre versioni separatamente... invece nada, le feste arrivano per stressarti, soprattutto per noi che vogliamo pasticciare sempre.... casa mia è invasa da dolci e preparazioni salate. Inforno e sforno fino a tarda sera. Ma adesso basta, l'appuntamento non può saltare!



Dunque, la storia della mia versione vegetariana della Fideuà trova le sue motivazioni dal fatto che siamo fermi da qualche giorno per via del maltempo in un porto laziale. Niente pesce a bordo, ma tanta voglia di preparare qualcosa di buono, e perchè no, di diverso. 
Il cuoco va a fare un giro al mercato e acquista direttamente da un produttore, che ha il banco vicino al porto, del pecorino semi stagionato e della mozzarella di pecora. Si avete capito bene, il cuoco ha trovato l'unico produttore di mozzarella fatto con latte di pecora, cioè quella che un tempo usavano fare gli antichi romani. Lo stesso produttore ha un piccolo orto, e ha portato al mercato qualche carciofo, ancora piccoli, ma tenerissimi. Come resistere, qualcosa si inventa. Gli regala anche un po' di menta che comincia a ricrescere proprio in questo periodo - connubio perfetto con i carciofi
Torna col malloppo a bordo e controlla in cambusa.... dall'attracco precedente fatto in Sicilia è rimasto ancora qualche pomodorino di Pachino, del finocchietto selvatico, delle mandorle... 
Ed ecco che si mette all'opera!


Ingredienti per 2/3 porzioni (quindi moltiplicate in base al numero dei commensali) 
200 gr di spaghetti (io Garofalo) 
3 carciofi medio/piccoli
7 pomodorini
40 gr di pecorino semi stagionato grattugiato (io del Caseificio De Juliis
40 gr di parmigiano reggiano grattugiato
100 gr di mozzarella di pecora (io del Caseificio De Juliis
pepe nero
menta (io quella siciliana, che coltivo in vaso) 
1 spicchio d'aglio
600 gr di acqua calda
1 cucchiaino di dado vegetale (io home made) 
olio evo (io Nocellara Etnea di Soc. Agr. Doria)
1 limone

per la salsa/pesto

100 gr di finocchietto selvatico
15 gr di mandorle pelate
15 gr di parmigiano
10 gr di maiorchino o pecorino (Maiorchino dell'Az. Agr. Isgrò)
30 gr di olio (io Nocellara Etnea di Soc. Agr. Doria

Pulire i carciofi, tagliarli a fettine e metterli in un contenitore con dell'acqua e succo di limone. 
In una padella antiaderente mettere un po' d'olio evo e lo spicchio d'aglio. Lasciare insaporire qualche minuto, quindi aggiungere i carciofi sgocciolati. Saltarli per qualche minuto e lasciarli cuocere circa 10-15' con il coperchio. Se necessario aggiungere qualche mestolo di acqua calda. 
Nel frattempo preparate la salsa.
Mettete a bollire dell'acqua e quando arriva a bollore buttate dentro il finocchietto. Fate bollire per 15'. Passate in un roboto da cucina insieme al resto degli ingredienti salvo l'olio. Col Bimby: 30'' vel. 7-8. Aggiungere l'olio e amalgamare. 
Quando i carciofi saranno pronti metteteli da parte. 
Spezzate gli spaghetti e senza lavare la padella aggiungete un filo d'olio e tostate la pasta a fiamma media, avendo cura di non farli diventare troppo scuri. Dovete rigirarli spesso. Tenete da parte. 
Senza lavare la padella, mettere uno spicchio d'aglio e poco olio e aggiungere i pomodorini - tranne 2 - tagliati a spicchi e avendo cura di togliere i semi. Fate saltare per qualche minuto. 
Aggiungete quindi 500 gr di acqua calda e il dado. Appena riprende il bollore aggiungete la pasta e fatela cuocere il tempo necessario. 5' prima della fine della cottura controllate se necessita ancora di qualche mestolo di acqua e aggiungete i carciofi. Fate insaporire e aggiungete il pecorino e il parmigiano grattugiato insieme a poca acqua calda (che deve aiutare a sciogliere il formaggio in mo). A questo punto appoggiate sopra le fettine di mozzarella, tagliate a spicchi i pomodorini tenuti da parte aggiungete il pesto di finocchietto e servite. Semplicemente deliziosa. 

Tuttavia il cuoco non si era limitato ad acquistare solo 3 carciofi. 
Così li aveva puliti tutti e li aveva cotti tutti insieme e utilizzato solo una parte. E l'altra parte andava consumata, e nel frattempo il vento si era calmato, si era ripartiti e c'era qualche totano a disposizione. Allora, via, non si butta via niente, e proviamo la Fideuà tipo "vignarola" ma con il totano invece della pancetta. 


Ingredienti per 2/3 porzioni (quindi moltiplicate in base al numero dei commensali) 
200 gr di spaghetti (io Garofalo) 

3 carciofi medio/piccoli
50 gr di piselli (io quelli piccoli, surgelati) 
menta (io quella siciliana, che coltivo in vaso) 
1 spicchio d'aglio
300 gr circa di totano
600 gr di acqua calda
1 cucchiaino di dado vegetale (io home made) 
olio evo (io Sud di Soc. Agr. Doria)
1 limone
per la salsa/pesto

5 mezzi pomodori secchi
capperi sotto sale (io quelli di Filicudi)
1 pezzetto piccolo di aglio
30 gr di olio (io Sud di Soc. Agr. Doria)
origano (io quello selvatico siciliano)

Preparate i carciofi come sopra e tenete da parte. 

Nel frattempo preparate la salsa. Lavate i capperi e metteteli insieme ai pomodorini e allo spicchio d'aglio in un mixer (nel Bimby qualche secondo a vel. 6-7). Quindi aggiungete l'olio e l'origano, amalgamate. 
Quando i carciofi saranno pronti, toglieteli dalla padella e senza lavarla tostate la pasta come indicato sopra. Quindi tenete da parte e senza lavare la padella aggiungete il totano tagliato a striscette. Lasciate che perda la sua acqua, quindi aggiungete poco olio evo e uno spicchio d'aglio. Fate insaporire, sfumate con poco vino bianco (io non l'avevo e ho sfumato con Rum secco) e aggiungete i piselli. 

Lasciate cuocere 10', quindi aggiungete l'acqua calda e il dado e quando riprende il bollore buttate la pasta. Cuocete il tempo necessario e aggiungete solo qualche minuto prima della fine della cottura i carciofi. Servite spolverando con la menta tritata e la salsa. 

Rotta verso sud, sosta nel porto di Napoli. Il cuoco va a fare il suo solito giretto al mercato e trova dei fantastici friarielli. Prende paga e scappa a bordo. 



Ingredienti per 2/3 porzioni (quindi moltiplicate in base al numero dei commensali) 
200 gr di spaghetti (io Garofalo) 

250 gr di friarielli
250 gr di totani 
2 pesciolini da zuppa
5 pomodorini
un pugnetto di uva passa
un pugnetto di pinoli
1 spicchio d'aglio
600 gr di acqua calda
1 cucchiaino di dado vegetale (io home made) 
olio evo (io Grossa di Cassano di Soc. Agr. Doria)
1 limone
per la salsa/pesto

100 gr di finocchietto selvatico
15 gr di mandorle pelate
15 gr di parmigiano
10 gr di maiorchino o pecorino (Maiorchino dell'Az. Agr. Isgrò)
30 gr di olio (io Nocellara Etnea di Soc. Agr. Doria

Lavare i friarielli e lasciarli sgocciolare. 
In una padellina mettete i due pesciolini da zuppa con un dito d'acqua, sale, prezzemolo, aglio. 
Mettere in padella antiaderente l'olio e l'aglio e lasciare insaporire per qualche minuto. Aggiungere i friarielli sgocciolati, lasciare insaporire per qualche minuto, sfumare con il vino. Quindi coprite con il coperchio e lasciare cuocere circa 10'. Nel frattempo mettete l'uva passa in acqua tiepida e preparate la salsa al finocchietto - come sopra. Aggiungete ai friarielli a fine cottura l'uva passa e i pinoli. Lasciate insaporire per qualche minuto e mettete da parte. 
Senza lavare la padella tostate la pasta - vedi sopra - e tenete da parte. Senza lavare la padella aggiungete il totano tagliato a striscette. Lasciate che perda la sua acqua, quindi aggiungete poco olio evo e uno spicchio d'aglio. Fate insaporire, sfumate con poco vino bianco (io non l'avevo e ho sfumato con Rum secco) e aggiungete i pomodorini. Lasciate cuocere 10', quindi aggiungete l'acqua calda, utilizzando anche quella della pesce da zuppa, e il dado e quando riprende il bollore buttate la pasta. Cuocete il tempo necessario e nel frattempo sfilettate il pesce bollito. Aggiungete solo qualche minuto prima della fine della cottura i friarielli e servite con i filetti di pesce e un filo d'olio a crudo.  

Non ci sono parole per descrivere la bontà di questo piatto. La bontà secondo me sta nel fatto che la pasta tostata mantiene meglio la cottura e che ha di base di prepararla inventando un piatto con quello che c'è... Grazie Mai! 

Con tutti e tre i piatti partecipo se non sono fuori tempo massimo all'MTChallange di Marzo



Alla prossima! 
Maria Luisa:-)







7 commenti:

  1. Una bontà migliore dell'altra!! :D Ma dico, ti sei superata eh?! Guarda, la pensavo come te.. ma dopo queste delizie ti dico: 'gli spaghetti se possono fa anche spezzati'! :D Complimenti di cuore amica mia! :D E in bocca al lupo! :D <3 TVB!

    RispondiElimina
  2. Tre versioni davvero brillanti, Maria Luisa.... corro a pubblicare tutto!
    Grazie
    Dani

    RispondiElimina
  3. Sono estasiata e anche imbarazzata perché non saprei proprio quale scegliere!
    Vabbe visto che con il pesce ne ho già assaggiate due opto x la prima che mi ispira assai :)

    RispondiElimina
  4. Interessanti ricette cara! Ti auguro una Buona Pasqua!:-)

    RispondiElimina
  5. Uno, due tre... Prova!
    Ditemi che il post del altro giorno non si è perso...!

    RispondiElimina
  6. Ciao! Girovagando ho trovato il tuo blog... Mi unisco a tuoi lettori! Se ti va passa da me! Buona Pasqua! :)

    RispondiElimina

Potrebbe anche interessarti...

Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...