cos'è casa mia?

cos'è casa mia?

domenica 9 dicembre 2012

Polenta vegetariana buonissima!


Sarà che bisogna nutrirsi per vivere! 
Sarà che a mangiare male si vive peggio! 
Sarà che la miopia mi ha accompagnata fin da ragazzina - problema risolto 8 anni fa! - 
e avrò sviluppato meglio il senso dell'olfatto per compensare. 
Sarà che qualsiasi posto io abbia visitato 
mi rimane dentro la sensazione associata alla temperatura e ai piatti consumati.
Sarà....
ma quando arriva il freddo sento i profumi che arrivano dal nord,
 così come mi piace portare a tavola i sapori del sud quando arriva l'estate.


L'aria gelida di questi giorni mi rigenera, anche se starei tutto il tempo sotto le coperte!!! 
Ma mi fa anche venire voglia di "vivere" in cucina, forno acceso, ad aspettare che siano pronti i biscotti, smanettare per la cena, sfogliare libri e riviste per "rubare" qualche idea. 
L'aria gelida preannuncia anche il Natale. Ieri per un attimo ha fioccato. Ci siamo guardati con i bambini entusiasti... ma è svanito subito tutto! Noi speriamo ancora che a Natale sia tutto bianco. Perchè il bianco della neve fa diventare tutto più bello, tutto candido: la neve è semplicemente meravigliosa. 

Così, con una temperatura che va su e giù, facendo il balletto intorno ai 0°, cosa c'è di meglio che preparare una bella polenta? Volevo prepararla per tempo, ma come farla esattamente?
Apro il frigo e trovo una bella verza acquistata qualche giorno prima. Nella dispensa funghi secchi. 


Giusto, lasagne di polenta! Rigorosamente vegetariane...
Penso, ripenso, comincio già a pregustarne il sapore che vorrei avessero e mi metto all'opera per ottenere quello che ho in mente. 

Ingredienti:

150 gr di polenta (io Farina di Mais Nostrano della Valle di Giovenzano dell'Az. Agr. Poggi
750 di acqua
700-800 gr di foglie di verza
una bella manciata di funghi secchi
100 gr di taleggio
3-4 olive greche
2 carote
1 scalogno
1 spicchio d'aglio
olio evo (io Nocellara Etnea della Soc. Agr. Doria
sale q.b
dado vegetale

chicchi di melograno e kiwi per decorare (facoltativi) 

Metto a cuocere la polenta nel Bimby. Portare ad ebollizione l'acqua, insieme ad 1 cucchiaio di olio evo e il sale. Saranno necessari circa 7', 100°, vel. soft. Se non fossero sufficienti proseguite finchè non raggiunge la temperatura. Con lame in movimento a 2-3 di velocità, versare la polenta dal foro del coperchio fino a vedere che la polenta non prende una consistenza morbida, ma non troppo "lenta". La consistenza sarà uguale a quella che avrete alla fine. La quantità della polenta necessaria può dipendere dal tipo di polenta che utilizzate.
Cuocere 45', con la spatola inserita dal foro che aiuterà a girare la polenta. 

Nel frattempo ho messo a scaldare a fuoco dolce il mio wok in ghisa, aggiunto olio e lo scalogno tritato. Lavate e affettate finemente la verza e quando la scalogno si sarà un po' appassito aggiungete la verza e lasciate stufare a fuoco medio per una decina di minuti. Fate evaporare 50gr di vino bianco. Aggiungete 1 cucchiaino di dado vegetale e continuate a cuocere per circa 10' con il coperchio. Tenete da parte. 

Nel frattempo mettete a bagno in acqua calda i funghi e sbucciate le carote. Quando la verza sarà pronta e l'avete messa via, senza lavare il wok, rimettete l'olio con l'aglio ancora vestito. 
Aggiungete anche le carote tagliate finemente a listarelle.
Sgocciolate i funghi senza buttare la loro acqua e tagliateli a listarelle. Aggiungete alle carote e cuocete aggiungendo un cucchiaino di dado vegetale e se necessaria l'acqua dei funghi man mano che serve.  
Fate cuocere circa 10' e tenete da parte. 

Quando la polenta sarà pronta, versatela in una teglia dai bordi bassi, tipo quella da pizza, cercando di non darle uno spessore superiore 1-1,5 cm. 




Una volta fredda tagliatela a strisce tipo lasagne e cominciate a fare uno strato su una teglia unta e spolverata di pan grattato. 
Quindi coprite il primo strato con i funghi, fate un secondo strato di polenta e finite con uno strato di verza e tocchetti, olive denocciolate e taleggio. 
Infornate a 200 gr per circa 20', finché non vedete che il taleggio è fuso e la polenta comincia a fare la crosticina. 




Oltre alla versione "lasagne" ho preparato anche la versione monoporzione, tagliando la polenta con un coppa pasta e alternando in maniera diversa i due condimenti. Anche questi infornati come le "lasagne".  



E i ritagli? Ottima soluzione per preparare straccetti di polenta con la verza e il taleggio visto che i bambini non apprezzano ancora i funghi. A casa nostra non si butta via niente!:-) 


Con questo post partecipo al contest di "In cucina con gli chef" ideato da Lucy di ".... ti cucino così...": 



Piatto Terre Solari

Alla prossima! 
Maria Luisa!:-) 

4 commenti:

  1. Oh cara. ma sei geniale! E io che vivo al nord e mi becco i -3° di questo pomeriggio.. vorrei andare in letargo e svegliarmi a primavera, quando posso mangiare olive baresi e pomodori siciliani!! Sapore di sole! :) Bellissima idea questa.. e te lo dice una 'polentona'! Complimenti!

    RispondiElimina
  2. buonissima, sai che con la verza non avevo mai provato?!ottima proposta.aggiorno il contest e egrazie di aver partecipato..

    RispondiElimina
  3. che bontà, Maria Luisa, pensa che lo prenderei ora, al posto del terzo caffè! ;) molto originale per me l'accoppiamento verza e funghi e ancora una volta secondo me giustissimo l'abbinamento con l'olio! sì, la Nocellara la vedo molto bene con i funghi!

    RispondiElimina
  4. Che bella scoperta le lasagne di polenta! :) baci

    RispondiElimina

Potrebbe anche interessarti...

Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...