cos'è casa mia?

cos'è casa mia?

giovedì 14 novembre 2013

Gugelhupf o panettone "antico"


Che dire di questo esperimento? Ha stupito anche me, questo si! 
Quel gruppo fantastico su FB di Paoletta di Anice e Cannella sfornano lievitati in men che non si dica... "ecco cosa ho preparato oggi!" "ecco anche il mio!".... 
e alla fine ti trascinano come un onda anomala, preoccupata di non sapere dove l'onda ti farà andare a sbattere, ma scopri solo alla fine che è un'onda anomala "buona", 
che inonda casa di profumo di cose buone appena sfornate:-) 
Certo un po' di impegno per stare a galla 
- questi lievitati richiedono un po' di tempo e quindi di pazienza e di attenzione - 
ma non è in fondo questo quello che serve per avere delle ottime preparazioni, 
anche fosse un uovo al tegamino? 
E soprattutto, che soddisfazione........... 

Solo una cosa mi rimane da dirvi: PROVATECI!:-) 


Ho seguito pari pari la ricetta di Paoletta, solo riadattata al Bimby. 
Naturalmente potete procedere a mano o con una planetaria.  

Ingredienti: 
 gr 300 di farina W350 (io ho usato Manitoba Lo Conte)
150 gr di burro (usate un burro di buona qualità)
75 gr di zucchero
10 gr di lievito fresco
50 gr di latte
75 gr di acqua
2 uova
2 tuorli
30 gr di uvetta o gocce di cioccolato (io ho polverizzato il cioccolato)
25 gr arancia candita
5 gr di sale
scorza di arancia grattugiata 
1 cucchiaino di sale

zucchero a velo per spolverare

serve uno stampo con capienza 2lt di contenuto

Se procedete col Bimby, polverizzate subito lo zucchero con la scorza d'arancia: 15'' ve. 9. 
Tenete da parte, pulendo il boccale con una salvietta di carta o di stoffa. Fate in modo di non buttare via dello zucchero in modo che la quantità sia quella suggerita.
Nel boccale inserite l'acqua e portate a 37°: 1' vel. soft. 
Aggiungete il lievito, il miele e 75 gr di farina: 1' vel. spiga. 
Mettete il misurino e lasciate lievitare per 45' (deve gonfiare). 
A questo punto unite i due albumi (1 alla volta) - tenendo da parte i tuorli - preparate 50 gr di latte nel misurino, impostate il tempo - 7' - e avviate col tasto spiga. Quando gli albumi saranno stati assorbiti, dopo circa 1' - aggiungete 100 gr farina, quindi la metà del latte fate assorbire, quindi aggiungete altri 100 gr di farina quindi il resto del latte, fate assorbire e finite con i rimanenti 25 gr di farina. Dopo 4' fermate il Bimby e togliete il coperchio per una trentina di secondi per non fa scaldare l'impasto. Quindi fate incordare l'impasto per i restanti 3'. 
Far riposare ancora il Bimby per qualche secondo senza coperchio, quindi reimpostare 3' e far lavorare a tasto spiga aggiungendo 1 tuorlo, quando è stato assorbito bene altri 2 tuorli e la metà dello zucchero. Passati i 3' lasciate riposare ancora e impostate ancora 4' finendo di aggiungere l'ultimo tuorlo e il resto dello zucchero. 
A questo punto bisogna solo aggiungere il burro e incordare bene l'impasto. Quindi impostate 5' vel. spiga e fate cadere dal foro il burro morbido a tocchetti poco per volta. Proseguite ancora, per altri 10' facendo riposare di tanto in tanto per non surriscaldare l'impasto. Qualche minuto prima che finisca di incordare aggiungete a piacere l'uvetta o le gocce di cioccolata e la frutta candita (che io ho omesso!). Non avevo le gocce di cioccolata e ho tritato del cioccolato fondente. Ma mi sono distratta e invece che simil "gocce" erano quasi polvere di cioccolata.... Poco male: l'ho aggiunto negli ultimi 20'' , giusto il tempo di amalgamarsi, ed è diventato un po' più scuro l'impasto!!!:-) 
Mettere l'impasto in una ciotola, coprire con pellicola e riporre in forno spento per 40-50' - assicurarsi che parta la lievitazione. Poi tenere in frigo zona 7-8° per circa 6-8 ore (io l'ho tenuto 6h).
Togliere quindi dal frigo, attendere 30', quindi rovesciare su un piano infarinato, stenderlo con le mani infarinare leggermente e fare le pieghe come qui; quindi ricreare una massa compatta, chiudendo verso sotto. Pennellare uno stampo col burro (potete far sciogliere a bagnomaria poco burro e poi spennellare con un pennello per alimenti) e decorate con le mandorle (io non le ho messe perchè non le avevo). 
Fate un foro con le mani al centro dell'impasto e ponetelo nello stampo. Coprite nuovamente con la pellicola e ponetelo in forno con la luce accesa finchè non raddoppia (dipende dalla temperatura, a me sono servite circa 2h). 
Tirate fuori lo stampo con l'impasto e scaldate il forno a 190°. Quando ha raggiunto la temperatura infornate per circa 30' sul piano medio-basso. Fate la prova stecchino per verificare la cottura e quando sarà pronto lasciate dentro per 5' a forno spento, quindi altri 5' con una fessura aperta. A questo punto quindi sfornate e mettete a raffreddare su una gratella. Quando sarà freddo spolverate di zucchero a velo e servite! Semplicemente delizioso:-) 

Alla prossima!
Maria Luisa:-)  



lunedì 4 novembre 2013

Ragni e ragnatele per un Halloween da "brivido"....

Sapete che mi è venuto in mente proprio in questi giorni? 
Che Halloween - o Allouin che dir si voglia - 
non potrà mai essere una festa italiana..... 


Eh si che di mostri, ragni umani, morti viventi ne abbiamo anche noi, 
ma noi....noi.... abbiamo il sole, abbiamo il mare....


E a fine Ottobre c'è ancora troppa luce e cielo azzurro per poter cadere così facilmente in "incubi" in cui danzano morti ammazzati, ragni affamati, dita di streghe... 


Mi rendo conto di dovermi proprio sforzare per pensare a tutte queste cose "orride" .... 
ma che cosa c'è di più bello che fantasticare in cucina...  


Allora prendi un bel fiore e trasformalo in un ragnaccio enorme, affamato, con il sangue agli occhi dalla rabbia per tanta attesa.... 


...prendi dei muffin profumatissimi e coprili di ragnatele di nutella appiccicosissima... 
e acchiappa tutte le streghe che girovagano nell'aria....


... apri il muffin e trova la sorpresa... 


Al ragno il muffin è piaciuto.... ha solo lasciato il cappello e gli stivali della strega... affamato si, ma non voleva farsi venire mal di pancia. 

Queste preparazioni le avevo inventate per la festa a scuola e per quella a scherma di Halloween. Purtroppo a scuola non l'abbiamo potuta portare a causa di un imprevisto, ma l'abbiamo portata a scherma. Grande la mia soddisfazione nel vedere un bambino di circa 10 anni farmi i complimenti non solo perchè è buono, ma anche perchè è bello. E mi ha anche chiesto: "chissà quanto ci vorrà per farlo!" Un bambino che da valore al tempo che impieghi per produrre cibo non è così facile da scovare.... 
Ha detto che se può, la prossima volta vorrebbe vedere come fare! Bello lui... se avessi tempo ne produrrei uno al giorno.... 

Ecco cos'è Halloween... un modo per reinventarsi... in fondo ognuno di noi indossa una maschera e ogni tanto cambiare, scambiarsela non fa male...  

Halloween è già passato, ma a me è mancato proprio il tempo materiale di condividere tutto ciò con voi per quel giorno. E non potevo aspettare di postare queste foto il prossimo anno, vero?

E adesso tutti proiettati per le preparazioni di Natale.... 
Io ne ho già tante in testa... ma prometto che il 15 Dicembre smetto... quindi pubblicherò tutto per tempo!!!:-)))) 

Alla prossima! 
Maria Luisa:-) 

Potrebbe anche interessarti...

Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...