cos'è casa mia?

cos'è casa mia?

mercoledì 8 agosto 2012

Polpettone di tonno con peperoni in agrodolce, cotolette di melanzane e una settimana dai nonni nelle Marche



Cosa c'è di bello nel vivere lontano dalle famiglie? Che quando si sta in vacanza c'è sempre un motivo per partire. O anche un week end. I bambini danno per scontato che di tanto in tanto o in vacanza si vada nelle Marche o in Sicilia e di tanto in tanto chiedono ai loro compagnetti: "dove vai per Natale?" "e in estate?" dando per scontato che così debba essere per tutti.

Quest'anno abbiamo deciso di fare una settimana dai nonni nelle Marche. Anche per stare con le tanto amate cuginette. Ed è stata un'esperienza nuova per loro. Tante cose che quando andiamo in Sicilia non possono fare. L'orto della nonna, con le oche e le galline con cui giocare a "mira e colpisci" con le mele cadute a terra (per fortuna senza mai riuscirci!), andare a recuperare le uova, innaffiare le piante di finocchio appena interrate, mangiare le pere e le pesche appena raccolte dall'albero, arrampicarsi sulla scala per raccoglierle, il fiume dove costruire una diga.... e tanto tempo da trascorrere con due cuginette (femmine), l'altra metà del mondo rispetto a loro: giocare a carte fino a sfinimento guardando le olimpiadi, scambiarsi "conoscenze", baciarsi e abbracciarsi continuamente, mangiare un gelato insieme, litigare e divertirsi solo a rincorrersi, crollare sfiniti sul pavimento durante il pomeriggio.... 



E mamma? E mamma che poteva fare? Un po' di conserva di pomodori (ma di questo vi parlerò in un altro post) e poi mi sono presa la briga di cucinare tutti i giorni. 

I tempi di casa mia non sono quelli degli altri e di conseguenza le foto sono quelle che sono, fatte di fretta, ma rendono l'idea! 
Visto il caldo che ci ha dato tregua solo qualche notte, quello che ci andava di più di mangiare a pranzo era qualcosa che poteva essere consumato anche tiepido o freddo. 

Ho preparato un polpettone di tonno, con peperoni in agrodolce e cotolette di melanzane (altrimenti chiamate dai miei figli "cotolette siciliane" perchè la prima volta che le hanno assaggiate hanno detto che non avevano lo stesso sapore delle cotolette - che amano molto - e mia mamma gli ha detto che erano diverse perchè erano siciliane! Sono piaciute!) 

Vi lascio la ricetta di queste tre piatti, di cui i primi due preparati contemporaneamente. 


Polpettone di tonno

3 scatolette di tonno sott'olio da 160gr 
1 cucchiaio di capperi
70 gr di parmigiano 
50 gr di pane raffermo
mezzo pomodoro tipo san marzano
la scorza di 1 limone
2 uova

Olive nere e l'altra metà del pomodoro per decorare

Peperoni in agrodolce

2 spicchi d'aglio
50 gr di olio evo
700 gr di peperoni (già puliti) gialli, rossi, verdi
10 gr di sale
30 gr di zucchero
40 gr di aceto balsamico
40 gr di vino bianco

Cotolette di melanzane

melanzane viola
uova
pane aromatizzato 
olio per friggere

La ricetta del polpettone è tratta dal libro base "Io e il mio Bimby" con la variante dell'aggiunta del pomodoro, così come quella dei peperoni in agrodolce, mentre la ricetta delle cotolette è quella di famiglia.

Esecuzione, col Bimby:

preparate il pane aromatizzato per fare le cotolette, in base a quante ne dovete preparare. Potete però abbondare e tenerlo poi in freezer in un barattolo di vetro. 
Mettere nel boccale pane raffermo, parmigiano (circa 1/3 rispetto al peso del pane), basilico e prezzemolo. Tenere da parte. 

Mettere nel boccale il pane raffermo, il parmigiano, la scorza del limone i capperi previsti negli ingredienti del polpettone e tritare: 10" vel. 7-8. Aggiungere il tonno sgocciolato, il pomodoro e le uova, amalgamare: 30'' vel. 4-5. 

Ricoprire il vassoio del Varoma con carta da forno bagnata e strizzata. Adagiate sopra l'impasto, cercando di pulire il più possibile il boccale e, con le mani inumidite date all'impasto la forma di un pesciolino. 

Senza lavare il boccale, mettete l'olio e l'aglio previsti negli ingredienti dei peperoni in agrodolce. Rosolare: 4', 100°, vel. 1. 
Aggiungere i peperoni tagliate a pezzi, il sale, lo zucchero, l'aceto e il vino. Posizionate sopra il varoma (se volete nel vassoio potete cuocere qualche altra cosa, io ho messo delle zucchine, ma anche delle patate vanno bene, in venti minuti sono già cotte) e cuocete: 20', a Varoma, vel. soft, antiorario. 

I peperoni, che chiaramente potete preparare allo stesso modo anche se non avete nulla da cuocere nel varoma, sono ottimi da preparare e conservare nei vasetti anche per l'inverno. 

Il polpettone cotto a vapore rimane morbido e compatto. 
A fine cottura adagiate il polpettone su un piatto da portata e decorate a piacere.  


La foto sopra è relativa al polpettone fatto appunto la settimana scorsa. Vi lascio sotto una foto con la variante per la decorazione, per la quale avevo utilizzato i carciofini sott'olio per creare l'effetto "squame". 



Nel frattempo preparate le cotolette di melanzane.
Sbattete le uova in un piatto con un pizzico di sale. Dipende da quanto sono grandi le uova e da quante melanzane volete preparare. Io ho utilizzato 3 uova non molto grandi per 3 melanzane medie. 
Affettate le melanzane alte circa mezzo cm. Passatele nell'uovo, quindi nel pangrattato. Continuate fino ad esaurimento degli ingredienti. Friggete a fiamma media - le melanzane hanno bisogno di cuocere senza bruciare il pangrattato esterno - e man mano mettete a sgocciolare l'olio in eccesso. 
Servite con insalata di pomodori e cetrioli. 

Vi confido una cosa: mio suocero - che come tutti gli anziani di una certa età, vissuto tra casa e orto, non gradisce cose che vanno fuori dalla normalità - si è accodato al gioco dei voti che ormai fanno i miei figli a tutti i pasti e indovinate.... mi ha dato 11/10! 



alla prossima!:-)  






  













Potrebbe anche interessarti...

Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...